Vox Populi. Un’ idea semplice di canto moderno
Il programma, pensato e curato dal nostro insegnante di canto Mino Mereu, nasce da una serie di riflessioni sulla base della sua esperienza come didatta e cantante professionista.

“La mia avventura nella didattica del canto è iniziata anni fa grazie ad amici e conoscenti che, onorandomi del loro apprezzamento, mi hanno chiesto qualche consiglio. 

Col tempo è diventata una missione e, nonostante la mia fortissima tendenza all’ozio, è stato inevitabile stilare delle statistiche. 

Spesso succede che tempo ed esperienza servano per comprendere le cose più semplici: lo strumento musicale che è la voce umana infatti è caratterizzato da una meccanica semplice, efficacissima e perfetta (come è ogni meccanica naturale e laddóve non sia intaccata la salute fisiologica), strettamente legata al nostro interiore e al nostro orecchio musicale e della quale non possediamo il libretto delle istruzioni, non avendola noi progettata e costruita, ma avendola semmai infinitamente imitata nella creazione di strumenti artificiali. “

Vox Populi. Un’ idea semplice di canto moderno

Oggi, nell’insegnamento del canto moderno, è di tendenza un approccio prevalentemente meccanicistico, per lo più basato su modelli che proprio allo spontaneo sorgere del nostro suono si sono ispirati; abbiamo a disposizione fotografie e video ad alta definizione dell’organo vocale, possiamo annoverare nelle dottrine oggi maggiormente diffuse molte informazioni di anatomia umana, ma siamo sicuri di fare di questa conoscenza un utilizzo conveniente?

Questa e tante altre domande mi sono fatto in questi anni, tra cui anche:

  •  Sto facendo un allenamento che faciliti, liberi il mio canto o alleno solo la mia capacità di assumere a comando un numero finito di atteggiamenti meccanici?
  •  Cos’è la “memoria muscolare”?
  •  Mi sto confrontando, durante la mia preparazione, con le problematiche reali che troverò sulla ribalta o in uno studio di registrazione?
  • Perché l’Actors Studio annovera tra i suoi studenti tanti grandi cantanti?
  • Sto sviluppando una reale coscienza critica dell’arte del canto?

 

L’esperienza mi ha dato delle risposte a queste domande e siccome il canto è arte ed è cultura, vorrei condividerle e discuterle con voi, perciò ho preparato questo incontro, a cui ho dato anche un nome, che nella mia visione celebra la sua semplicità: Vox Populi.

“La mia avventura nella didattica del canto è iniziata anni fa grazie ad amici e conoscenti che, onorandomi del loro apprezzamento, mi hanno chiesto qualche consiglio. 

Col tempo è diventata una missione e, nonostante la mia fortissima tendenza all’ozio, è stato inevitabile stilare delle statistiche. 

Spesso succede che tempo ed esperienza servano per comprendere le cose più semplici: lo strumento musicale che è la voce umana infatti è caratterizzato da una meccanica semplice, efficacissima e perfetta (come è ogni meccanica naturale e laddóve non sia intaccata la salute fisiologica), strettamente legata al nostro interiore e al nostro orecchio musicale e della quale non possediamo il libretto delle istruzioni, non avendola noi progettata e costruita, ma avendola semmai infinitamente imitata nella creazione di strumenti artificiali. “